venerdì , 21 luglio 2017
Home | Fotografia | Carlo Orsi – Milano

Carlo Orsi – Milano
Recensioni/Articoli di

La Milano di oggi nelle fotografie di Carlo Orsi Il Pavillion di Piazza Gae Aulenti a Milano merita di per sé una visita; l’opera dell’architetto Michele De Lucchi, uno spazio destinato a diventare presto un nuovo centro di attrazione per l’offerta culturale della città, utilizza come materiale elettivo il legno, disegnando volumi morbidi e accoglienti; …

6,00

Tanto rumore per nulla

unicredit pavillonLa Milano di oggi nelle fotografie di Carlo Orsi

Il Pavillion di Piazza Gae Aulenti a Milano merita di per sé una visita; l’opera dell’architetto Michele De Lucchi, uno spazio destinato a diventare presto un nuovo centro di attrazione per l’offerta culturale della città, utilizza come materiale elettivo il legno, disegnando volumi morbidi e accoglienti; impreziosisce la nuova area direzionale a ridosso di Porta Nuova, introducendo elementi naturali di immediata affinità ed empatia con la presenza umana. Il pretesto più immediato per un primo contatto e per poterne godere l’estetica e la funzionalità è, fino al 17 settembre, una mostra fotografica che ha come soggetto la città di Milano. L’autore è Carlo Orsi, classe ’41, affermato professionista del settore, specie in campo pubblicitario, che è stato chiamato dall’editore Skira a ripercorrere i luoghi e i percorsi cittadini già immortalati nel lontano 1965. Risale a quegli anni il suo primo lavoro sul tema, pubblicato dall’editore Bruno Alfieri, col titolo Milano. Il libro, rintracciabile in poche copie vendute su ebay a prezzi inspiegabilmente esorbitanti, raccoglieva gli scatti oltre che di Carlo Orsi, di Giulia Pirelli (a detta dello stesso Orsi durante la presentazione del nuovo libro, autrice delle foto più suggestive e poetiche) e vantava una presentazione da parte di Dino Buzzati.
La nuova iniziativa editoriale di Skira, presentata questa volta da Aldo Nove, ha lo stesso titolo e siamo sicuri che per il suo formato, 30×40, e per la copertina, lo skyline del palazzo Unicredit (promotore dell’iniziativa e padrone di casa al Pavillion) farà contente le librerie e i negozi di lusso del centro che potranno allestire nel periodo natalizio una vetrina d’effetto.
Per quanto riguarda le foto ci sembra di poter segnalare una diversa impostazione rispetto all’opera precedente; è una Milano, quella ritratta da Orsi cinquant’anni dopo, che privilegia gli spazi e il disegno degli edifici a discapito di chi li attraversa e li abita quotidianamente; c’è la volontà di comunicare le linee geometriche e i volumi, ma con un taglio che fatica a rappresentare una moderna visione della città. Mentre è del tutto assente lo sguardo curioso nel cogliere, con sensibilità poetica e ironia, l’umanità che percorre l’area urbana.
Sarebbe auspicabile che, così come nel ’65 per i giovani Orsi e Pirelli, fossero promosse anche nel 2015 iniziative editoriali con obiettivi forse meno mediatici, ma più orientate a investire sulla costruzione dell’immagine, che avranno le future generazioni, della città di questi anni. Occorre una visione, un progetto da costruire nel tempo e il coraggio di offrire ai giovani fotografi milanesi di oggi, rintracciabili con poco sforzo in circuiti ormai consolidati (due esperienze per tutte: Milano Città Aperta e Photofestival), una vetrina e un’occasione per emozionare il pubblico.

 

La mostra continua:
Unicredit Pavillion

Piazza Gae Aulenti – Milano
dal 5 settembre al 17 settembre
dalle ore 10.00 alle ore 19.00, lunedì 7, mercoledì 9 e martedì 15 dalle ore 10.00 alle ore 13.00, mercoledì 16 chiusa.

Skira editore presenta
Milano
mostra fotografica di Carlo Orsi

6,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi