Alle origini del pensiero moderno: Francisco Goya e la guerra

Il tema della rappresentazione della guerra attraversa in vario modo la storia dell’arte, ma più in generale la storia della cultura visiva fin dalle origini; se in epoca moderna, in particolar modo all’indomani delle due guerre mondiali, l’immaginario non può non connettere la guerra all’orrore, e perciò alla morte e alla distruzione insensati, bisogna pensare che nella cultura classica e fino all’Ottocento raramente la guerra veniva ripudiata in generale, ma veniva sempre compresa in base alle giustificazioni delle parti in causa, alla legittimità del conflitto, ai valori incarnati dai combattenti. Leggi tutto “Alle origini del pensiero moderno: Francisco Goya e la guerra”

Cantate uomini, la vostra storia – Omaggio a Dario Fo e Franca Rame

Si è tenuta mercoledì 14 giugno, con più di un’ora di ritardo, l’inaugurazione della mostra dedicata alle figure di Dario Fo e Franca Rame presso la Sala Alessandrina dell’Archivio di Stato romano. Leggi tutto “Cantate uomini, la vostra storia – Omaggio a Dario Fo e Franca Rame”

Fuco Ueda – Yumei, Questo mondo e l’Altrove

Le suggestive sale della Dorothy Circus Gallery di Roma, ospitano le opere di Fuco Ueda, una delle artiste contemporanee giapponesi di maggior successo nell’ambito del surrealismo pop. La mostra inaugurata il 9 giugno, è in corso fino al 15 luglio e permette di entrare in contatto diretto con la surreale e personalissima visone dell’artista.  Leggi tutto “Fuco Ueda – Yumei, Questo mondo e l’Altrove”

Paolo Grassino – La sostenibile visibilità dell’assenza

Sperimentare l’assenza, riuscendo a viverla in maniera alternativa, constandone il suo lato straordinariamente positivo: ciò promette Paolo Grassino con La sostenibile visibilità dell’assenza. Leggi tutto “Paolo Grassino – La sostenibile visibilità dell’assenza”

Arcanum

Se vi aspettate una bella galleria chiara inondata di luce, con i quadri ben allineati sulle loro pareti candide, circondati da persone silenziose che sorseggiano vino bianco, state andando nel posto sbagliato.

Leggi tutto “Arcanum”

Triumphs and Laments di William Kentridge

Difficile da fotografare, impossibile da descrivere, l’opera murale di Kentridge ha sfidato e sfida tutt’oggi il degrado da parte di chi non comprende fino a fondo il suo valore. Leggi tutto “Triumphs and Laments di William Kentridge”

ArtFutura – Creature Digitali

Fino al 10 settembre, negli spazi dell’Ex Dogana, è in scena ArtFutura, festival che mette in rapporto le nuove tecnologie e i linguaggi artistici.

Leggi tutto “ArtFutura – Creature Digitali”

Arturo Dazzi 1881 – 1966. Roma – Carrara – Forte dei Marmi

Ultimi giorni per la mostra dedicata a uno tra i maggiori esponenti del nuovo classicismo in scultura, in una mostra antologica che ne ripercorre l’intera carriera.

Leggi tutto “Arturo Dazzi 1881 – 1966. Roma – Carrara – Forte dei Marmi”

Cecilia Bertoni e Claire Guerrier: Camera #4 – Il Naufragio / Teresa Margolles: Sobre la sangre

Alla Tenuta dello Scompiglio di Vorno, arti figurative e performative s’incontrano per affrontare il discorso di genere. Nel weekend in cui va in scena L’Ambigu, le installazioni Camera #4 – Il Naufragio e Sobre la sangre offrono due spaccati etici prima ancora che estetici.

Leggi tutto “Cecilia Bertoni e Claire Guerrier: Camera #4 – Il Naufragio / Teresa Margolles: Sobre la sangre”

Romics – XXI edizione del festival del fumetto e dell’animazione

Si è conclusa oggi la XXI edizione del festival del fumetto e dell’animazione organizzata in zona Eur, Fiera di Roma.

Leggi tutto “Romics – XXI edizione del festival del fumetto e dell’animazione”

Kader Attia – Reflecting Memory / Leila Alaoui – Je te perdonne / Nedko Solakov – Stories in Colour

Alla Galleria Continua, ultimi giorni di esposizione per tre artisti che riflettono sulla nostra contemporaneità, a livello sociale o più intimo, Kader Attia, Leila Alaoui e Nedko Solakov. Per uno sguardo sul mondo che non è mai narcisistico.

Leggi tutto “Kader Attia – Reflecting Memory / Leila Alaoui – Je te perdonne / Nedko Solakov – Stories in Colour”

Dalla Pop Art all’Artpop, da Jeff Koons a Lady Gaga e ritorno

Comprendere l’arte contemporanea e soprattutto le tendenze più significative dell’arte degli ultimissimi anni, significa comprenderne l’approccio eretico e blasfemo, senza l’ambizione di risolvere contraddizioni relative al rapporto tra l’arte e le altre dimensioni proprie della società attuale.

Leggi tutto “Dalla Pop Art all’Artpop, da Jeff Koons a Lady Gaga e ritorno”

Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes

Fino al 18 giugno 2017, in mostra al Palazzo delle Arti di Napoli, Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes, un viaggio intenso e affascinante nell’immaginario fotografico di Helmut Newton, fotografo tedesco, naturalizzato australiano.

Leggi tutto “Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes”

Tra organico e inorganico: la vita e la materia in Aziz+Cucher e nei Tool

L’arte di Aziz+Cucher (Anthony Aziz e Samuel Cucher) da diversi anni esprime alcuni dei caratteri essenziali della cultura contemporanea; la loro produzione si compone soprattutto di immagini digitali, fotografie manipolate con effetti e software al fine di restituire al fruitore immagini inquietanti e ambigue, che mostrano oggetti e modelli quasi irriconoscibili.

Leggi tutto “Tra organico e inorganico: la vita e la materia in Aziz+Cucher e nei Tool”

Il Glitch, ovvero l’errore che sfida l’ordine

La Glitch Art rappresenta una tendenza artistica contemporanea, diffusasi negli anni ’90 e che ha segnato soprattutto la musica elettronica contemporanea, ma che ha lasciato un’interessante produzione anche nelle arti visive; strettamente connessa da un lato alla videoarte e dall’altro alla fotografia, ha non trascurabili rapporti anche col videogame, col web e coi linguaggi di programmazione in genere. Che senso ha l’ “errore” in arte oggi?

Leggi tutto “Il Glitch, ovvero l’errore che sfida l’ordine”

Il bisogno del buio: Reinhardt oggi

Troppa luce. Oggi nel mondo c’è troppa luce, ovvero troppa visibilità, troppe immagini, troppa fiducia nel progresso e nella comunicazione globale; troppe parole, troppa esposizione, e come potrebbe relazionarsi l’arte a tutto questo, essa che è per definizione “esposta” e composta da elementi sensibili e visibili?

Leggi tutto “Il bisogno del buio: Reinhardt oggi”

Cosa (non) resta dell’arte povera: immaginario e mito dell’origine

La morte di un gigante dell’arte contemporanea come Jannis Kounellis porta ad interrogarci sul significato che oggi l’esperienza avanguardistica dell’ “arte povera” può assumere.

Leggi tutto “Cosa (non) resta dell’arte povera: immaginario e mito dell’origine”