Difficili accostamenti

Alla Brend New Gallery di Milano, fino al 22 dicembre, sono esposte, in tre sale, le opere di due giovani artisti molto famosi all’estero, Angel Otero e Joshua Abelow.

Se l’idea del curatore era quella di mettere a confronto due espressioni artistiche molto diverse tra loro, questa esposizione coglie nel segno.

La prima sala che accoglie il visitatore è piuttosto grande: alle pareti i lavori di Angel Otero – nato in Portorico nel 1981. L’impatto, grazie alle dimensioni delle tele, è notevole. Esposte prive di cornice, attirano lo sguardo per la strana assonanza dei colori: disposti a macchie, intersecati da sottili linee simili a graffi, che invitano lo spettatore a immaginare di immergersi in quell’universo parallelo ove, appena tracciata, si intravede una sagoma umana che cerca di galleggiare in un oceano dalle tonalità amaranto.

Più avanti, un grigio morbido cela e disvela, al suo interno, figure che paiono incamminarsi verso un orizzonte oltre la tela, fendendo un’omogeneità di colore appena vivacizzata nella parte superiore dell’opera. Gli stati d’animo si alternano: ci si sofferma, quasi con sollievo, su un dipinto dove il bianco è prevalente – un invito ad aprirsi e a immergersi in una nuova esperienza luminosa. Mentre l’immagine di un fiore, che sembra uscire dalla terra nella quale è costretto, ci accoglie nella seconda sala.

Ci si interroga anche sulle pieghe che attraversano le opere: la tela, compressa, si modifica, formando dossi e avvallamenti che alterano il piano visivo, e si ha quasi l’impressione di avere di fronte il sipario di un teatro che si apre, con fatica, per mostrare quello che esiste aldilà della tela e dell’arte – forse un universo in continua evoluzione che non può, o non deve, andare oltre se stesso. Un po’ sperduti ci si chiede se questa sia l’immagine del reale che ci circonda; ma, forse, tutto ciò non è altro che il frutto della nostra immaginazione rapita.

L’ultima sala, con le opere di Joshua Bellow, ci riporta al presente – con i suoi tratti minimali ripetuti con piccole variazioni, scritte, disegni dall’apparenza infantile, sberleffi autoironici, stilemi che si rifanno ai graffiti o alle icone della pop art. Opere che bisogna però ammettere hanno un che di già visto: divertenti ma sicuramente non originali.
Il contrasto tra i due artisti non passa inosservato e la mostra offre comunque due sguardi diversi sulle ricerche attualmente in corso nel mondo dell’arte a livello internazionale.

Se la prima parte è quella che forse apprezziamo maggiormente dal punto di vista critico, va sottolineata l’importanza dell’intera esposizione come momento per fruire – gratuitamente – di arte e cultura.

[nggallery id=17]

La mostra continua:
Brand New Gallery

via Farini, 32 – Milano
fino a sabato 22 dicembre
orari: da martedì a sabato, ore 11.00-13.00 e ore 14.30-19-00
(ingresso libero)

Brand New Gallery presents:
Joshua Abelow. Abelow Schmabelow
Angel Otero. The old lansquenet is laughing at us

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.