La tela. Da base concettuale a concetto

Al Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art un’esposizione che raccoglie opere di Burri, Fontana e molti esponenti dello spazialismo e maestri dell’estroflessione – dagli anni 50 a oggi.

L’apparente accanimento di Fontana sulla tela accostato a modificazioni meno distruttive, che ne alterano la forma senza per questo intervenire sulla continuità della stessa. La scelta della monocromia – per alcuni artisti rappresentata dal bianco – quale base per ottenere trasformazioni in grado di far risaltare il chiaro-scuro e generare, in chi le osservi, l’impressione di tridimensionalità dell’opera. I colori, quando presenti, spesso sgargianti, a esaltare caratteristiche di serialità. L’estroflessione come matrice linguistica e segno distintivo. L’esperienza di nuovi materiali che trascendono la volontà di senso e si pongono, per questo, al di là del Futurismo.
Lo Spazialismo è tutto questo e molto altro. Movimento artistico che nasce nel Secondo dopoguerra, in un mondo diviso in blocchi contrapposti, lacerato dalle distruzioni dei bombardamenti e intimorito dall’utilizzo, terribile, delle nuove scoperte della fisica nucleare. Ma anche un mondo dove le prime avventure spaziali aprono, come la fisica teorica, nuovi orizzonti: la scoperta della forma e della struttura della materia e la possibilità, non più solo utopistica, di esplorare l’universo infinito e ignoto.
Ecco perché, nelle tele di Fontana in mostra a Lucca, il taglio sembra quasi un tentativo di superare ciò che possiamo vedere con la limitata capacità umana, e comprendere. Un andare oltre, verso l’ignoto – che si intravede o intuisce nelle fessure della tavola monocromatica. Un percorso che era iniziato con i buchi, racchiusi in uno spazio definito, ma protesi poi verso lo spettatore con i lembi strappati. Interessante, per il discorso sul dinamismo dell’opera, la ceramica colorata, Battaglia (1950-55).
In Burri sono i nuovi materiali, figli della civiltà altamente tecnologica che si sta delineando, a ergersi a padroni. Gli acrilici sono modellati e colorati in forme astratte o per ricreare superfici atte a rimandare all’universo naturale – smentendo quasi la loro stessa essenza.
Bonalumi padroneggia l’acrilico e l’estroflessione su tele, dove la morbida sinuosità delle linee accompagna l’occhio dello spettatore, aprendo a nuovi significati e suggestioni a seconda della posizione del visitatore o della luce che si pasce e riflette, indugia e scivola sui materiali.
Di Castellani sorprendono le microscopiche variazioni coloristiche dei lavori su carta a rilievo – di una delicatezza languida – e quel Rosso (2006) che seduce e destabilizza, tanto potente da sembrare sul punto di esplodere.
Assimilabili, seppure con le dovute differenze, i lavori di Turi Simeti e Giuseppe Amodio. Il primo affascinato dalla riproduzione seriale, da forme sospese in un oceano primordiale; il secondo con l’occhio del designer, che accarezza lo spettatore con le sue linee in grado di ricreare suggestivi giochi di luci e ombre.

Un percorso, quello della mostra, che evidenzia e descrive la nascita e la successiva evoluzione della ricerca, basata sulla trasformazione della tela, intesa non più come base o supporto dell’idea ma essa stessa idea.

La mostra continua:
Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art
via della Fratta, 36 – Lucca

MVIVA, in collaborazione con Spirale d’Idee, presenta
La tela violata.
Fontana, Castellani, Bonalumi, Burri, Scheggi, Simeti, Amadio e l’indagine fisica della terza dimensione
fino a domenica 19 giugno
orari: da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 19.00
a cura di Maurizio Vanni
organizzata dal www.luccamuseum.com

Catalogo:
La tela violata. Fontana, Castellani, Bonalumi, Burri, Scheggi, Simeti, Amadio e l’indagine fisica della terza dimensione
Maurizio Vanni
© 2016 Fondazione Lu.C.C.A. Museum
© 2016 Maurizio Vanni per il testo
80 pagine
Euro 20,00

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.