COMUNICATO STAMPA

In occasione della 11° Biennale di Dakar, nella sezione OFF, presso la sede dell’ Ancienne Biscuiterie de Medina, M’AMA.ART e Arthemisia Group presentano m.eating, una mostra personale di Maimouna, realizzata con il supporto dell’Ambasciata italiana a DAKAR e con il patrocinio di EXPO2015 e di Alpha Women, associazione presieduta da Lale Cander.

La Biennale di Dakar rappresenta una delle più prestigiose kermesse internazionali d’arte contemporanea: anche una grande artista italiana sarà presente in questa 11ma edizione. La Biennale infatti ospiterà (nella sezione OFF) una suggestiva mostra personale di Maïmouna Guerresi, ideata e promossa da Alessia Montani.
Presso la sede dell’Ancienne Biscuiterie de Medina, M’AMA.ART e Arthemisia Group presentano m.eating, una mostra personale di Maimouna, realizzata con il supporto dell’Ambasciata italiana a DAKAR e con il patrocinio di EXPO2015 e di Alpha Women, associazione presieduta da Lale Cander.
L’idea di M’AMA.ART è basata sulla volontà di permettere che l’arte venga apprezzata ogni giorno, attraverso gli oggetti di uso quotidiano. La finalità di questa industria creativa è quella di divulgare in Italia e all’estero prodotti nazionali, capaci di veicolare e trasmettere in modo nuovo l’immenso patrimonio culturale del nostro Paese, fungendo contestualmente come occasione economica per gli operatori che si muovono nel mondo dell’arte e delle eccellenze italiane.
m.eating è anche il titolo della serie fotografica che accompagna le opere dell’artista Maïmouna, che illustra attraverso lo “stare a tavola” la profonda analisi tra individuo e la sua società con uno sguardo particolare ai Paesi in via di sviluppo. Saranno esposti Tre polittici fotografici, insieme all’ istallazione Rubber Tires realizzata in situ e il video Zudh 53. Nella maggior parte delle foto si approfondisce il continuo conflitto tra aggregazione ed isolamento.
I personaggi hanno uno sguardo assorto o distratto che non si incontra nonostante il contesto sia quello della convivialità. Uomini, donne e bambini africani sono seduti a tavola, spesso con la schiena allo spettatore, rivolti verso un muro o frontalmente disposti. L’incontro a tavola diventa così un’ occasione per riflettere sull’uomo contemporaneo e il suo rapporto con la società.
Il video Zuhd 53, realizzato nel 2010 prima che gli stati africani diventassero 54 rappresenta simbolicamente attraverso i gesti che il personaggio compie nell’ indossare e togliere dei cappelli, il desiderio di riappropriarsi delle proprie origini, e la metafora di una continua ricerca della propria identità sia esteriore che spirituale.
La mostra è accompagnata da catalogo edito da Skirà, con testi di Laura Serani, Giorgia Simoncelli, Alessia Montani e Alberto Michelini.
L’esposizione sarà visibile al pubblico dall’8 maggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.