Ritratti d’Autore

Oliver Astrologo è un filmmaker e fotografo italiano, che vive a Londra dal 2015, di cui ci ha particolarmente colpito la passione e l’emotività che le sue opere riescono a trasmettere, grazie all’uso sapiente degli strumenti digitali e, sopratutto, alla capacità narrativa da cui nascono e che esprimono. L’abilità nel coinvolgere lo spettatore e renderlo partecipe di un viaggio virtuale hanno fatto notare Oliver da molti brand internazionali, alcuni dei quali gli hanno affidato il compito di raccontare la loro storia e nella sua ultima opera, Italia, l’artista ha voluto lanciare un messaggio di speranza, mostrando la bellezza del nostro Paese anche in questo periodo drammatico.

English version

Oliver Astrologo is an italian filmmaker and photographer who lives in London since 2015.
We appreciated the passion and the emotivity his works transmit, thanks to the wise use of digital tools and, above all, to the narrative ability from which they are born and which they express. Because of his ability to engage the viewer and make him part of a virtual journey, Oliver was noticed by many international brands, some of whom gave him the task of telling their story. In his latest work, Italy, the artist wanted to send a message of hope, showing the beauty of our country even in this dramatic period.

What is the intention behind your photographic and audiovisual research? Do you think that there is a soul that can be captured, together with the colors, shapes and spaces of which a city is composed?
Oliver Astrologo: «Absolutely. The idea behind these videos is to tell specific places or destinations with a different eye. With the advent of Social Media, there are many video contents that try to portray cities, but which often lack authenticity. Activities are mainly shown for tourists and with the purpose of selling a product or service. Personal videos, however, being disconnected from the desire to advertise something, can explore the various shades of a place, even from the eyes of those who live there. Who are the people who liked my video Rome the most? It was the Romans themselves, because they felt proud to see a reality that only they know. The same has happened for other destinations such as Vietnam, whose citizens have seen their country told in a different way, showing moments of their authentic life. But this has happened for all the other destinations that I have narrated such as Myanmar, Japan, Venice. Venice for example, was the first video of the city without tourists. This was possible by shooting most of the video every morning during sunrise, when there was still no crowding and making certain choices of photography; if there were people while I was filming Piazza San Marco, attention had to be focused on the destination, avoiding to show those elements that could contaminate the work. There is a big research of images, we must try to create compositions that are almost perfect, without disturbing elements. In my videos, you will never see something that can ruin the beauty of that place. For example, even if there was dirt on the ground or people who do not belong to that particular place, I make sure, from the point of view of the shots, that they are not present in the images».

In Venice you showed the work of small artisans, who often go unnoticed by tourists. Do you find that this choice contributed to the promotion of the city itself?
O.A.: «Yes, this is another element that is part of my research: finding subjects or themes that are authentic, do something that really belongs to the city and that are not too well known. Maybe people know that there are artisans who build gondolas, but maybe they don’t know that there is who builds forks and oars and nobody visits the shop. The problem is that with globalization these activities are slowly disappearing. These are activities that are transmitted from father to son and the new generations no longer seem interested in continuing their work. By making these videos, you also try to create a sort of photograph of these realities, which could disappear tomorrow. The video itself becomes a source of testimony for future generations. When they see it in several years, they could see something that no longer exists».

The intention behind your works is only artistic or does it also hide your historical or sociological interests?
O.A.: «It depends. This is also part of my personal journey. At the beginning I was trying to capture the work of the artisans but the process of creating videos is constantly evolving. Today, for example, I am looking for more content that has to do with social issues such as minorities, ecology, issues that should be known by the public because they have to be improved. My approach is to treat these issues not in a negative way, but to show that they can be solved, in a constructive perspective. This is a process that never ends».

Do you find that your feelings towards a subject (which can be a city, a country, a commercial product) influence the quality of your works?
O.A.: «In order to tell something or someone, it must be something or someone that you like and with whom you must also find a connection. The best videos are the ones where I fell in love with the destination or the subject itself. When I find a subject that I would like to film, I try to understand if I can create a connection that can be physical or personal. If I meet someone I would like to film, I try to establish a communication: we talk, I try to understand why he is doing that thing and if I am interested in his cause. Getting passionate and understanding exactly what you are doing is essential to tell a story through images. Unexpected subjects also happen, when you accidentally meet something that strikes you, with which you can create a synergy and you obtain images that are beautiful. These videos do not have a script behind them as an advertising spot, where everything is defined. They do have a part of planning, in which you choose the locations and themes you want to express, but they give space to improvise, to get out of the rules of the Company that pays you. In fact, this aspect is changing. The Venice video, for example, was commissioned by a Company that produces high fashion shoes and gave me the opportunity to work with flexibility».

In the description of Rome, a work that made you known to the public, you say that this city enter into the soul of people and remains there forever. Can you explain better what you mean, if this has happened to you and if it has happened with other cities as well?
O.A.: «I was born and raised in Rome, I know it well. Like many Romans, I have always been taken by my daily life and Rome is a city that has many problems. Those who live there, very often, see only the traffic, the difficulties, the malfunctions. Realizing Rome allowed me to rediscover it completely. I started the project in my spare time, then slowly, as I walked around the city before going to the office, I saw these streets, these hidden corners that, as a Roman, I had always seen but never noticed. Seeing Rome in the morning, without traffic, observing it from the right angles, finding these glimpses, seeing the beauty and the history behind it, I think I managed to reevaluate it and testify how precious the place where you are living in can be. This is the same effect it had on the Romans, although someone commented that the negative aspects were not showed. It was not in the purpose of this video to show them. My intention was to focus attention on beauty that is often overlooked. London is completely different from a logistical point of view. Its peculiarity is that it is a city that changes constantly and you do not have time to fix it in images and videos. For this reason, the approach used for Rome could not be used for London and I chose to narrate social relations in the English capital. Its inhabitants, more than nine million, seem to interact little with each other. On the means of transport they seem to be focused on their lives, they don’t talk to each other, often their attention is on the smartphone. Initially, with London I show this coldness through cold colors, however, investigating more deeply, I discover that beyond appearance there are relationships, moments of aggregation and above all multiculturalism, which I return with warm colors. In London no one judges you for who you are and what you do and this is what makes it so unique».

With Italia you managed to find beauty even in a dramatic historical period like the one we are going through and to transmit a message of hope. What is your idea of beauty and how do you see it in everyday life?
O.A: «Italy was born talking to friends and relatives. Even though I live in London, most of my friends live in Italy and I noticed that during the early days of the pandemic, the mood was very sad. Lockdown had just begun, people were locked at home, it was not clear what would happen, how long it would last. The situation was disastrous, also because in that period Italy was crossing the peak of the infection. I wondered how I could try to improve the mood, using my skills. I think that everyone, in one’s own small way, can make a contribution. Mine would have been creative. In Italy, there is a narrative voice, which is unusual compared to my previous videos because I have always believed that the strength of the images was enough. In Italy, however, I wanted to convey a message addressed exclusively to Italians, therefore, in Italian. I think that sometimes it is enough to stop and pay more attention to what is happening around, not stopping at the first impression, to see the beauty. Often, among professionals, I am asked which camera and which program I use to edit videos. As if technicality were the key to achieving something exciting and ignoring the subject on which you are focusing. It is necessary to have the ability to look beyond, trying to find a synergy with what is being filmed».

[riduci]

Qual è l’intenzione che sta alla base della sua ricerca fotografica e audiovisiva delle città? Pensa che esista una sua anima che si possa catturare, insieme ai colori, alle forme e agli spazi di cui è composta?
Oliver Astrologo
: «Assolutamente sì. L’idea alla base di questi video è quella di raccontare determinati luoghi o destinazioni con un occhio diverso. Con l’avvento del Social Media, sono tantissimi i contenuti video che cercano di ritrarre le città, ma che spesso mancano di autenticità. Vengono mostrate attività principalmente per i turisti e nell’ottica di vendere un prodotto o sevizio. I video personali, invece, essendo slegati dalla volontà di pubblicizzare qualcosa, possono esplorare le varie sfaccettature di un luogo, anche dagli occhi di chi ci abita.

Quali sono le persone che hanno apprezzato maggiormente il mio video Roma? Sono stati i romani stessi, perché si sono sentiti orgogliosi di vedere ritratta una realtà che solamente loro possono conoscere. Lo stesso è successo per altre destinazioni come il Vietnam, i cui abitanti hanno visto il loro paese raccontato in un modo differente, mostrando momenti della loro vita autentica. Ma così è successo per tutte le altre destinazioni che ho videoraccontato come il Myanmar, il Giappone, Venezia. Venezia per esempio, è stato il primo video con cui è stata mostrata la città senza i turisti. Ciò è stato possibile girando la maggior parte del video tutte le mattine durante l’alba, quando non c’era ancora l’affollamento dei turisti e facendo determinate scelte dal punto di vista della fotografia; se mentre filmavo piazza San Marco c’erano delle persone, bisognava focalizzare l’attenzione sulla destinazione evitando di far vedere quegli elementi che possono contaminare l’opera.
C’è una grande ricerca dal punto di vista delle immagini, bisogna cercare di creare composizioni dal punto di vista visivo che siano quasi perfette, senza elementi di disturbo. All’interno dei miei video, non si vedrà mai qualcosa che possa rovinare la bellezza di quel luogo. Per esempio, anche se ci fosse dello sporco per terra o delle persone che non appartengono a quel determinato posto, io faccio in modo, dal punto di vista delle inquadrature, di evitare che siano presenti nelle immagini».

In Venezia ha voluto includere il lavoro dei piccoli artigiani, che spesso passano inosservati agli occhi dei turisti. Trova che questa scelta abbia contribuito alla promozione della città stessa?
O.A: «Sì, questo è un altro elemento che fa parte della mia ricerca: trovare dei soggetti o dei temi che siano autentici, facciano qualcosa che appartenga veramente alla città e che non siano troppo conosciuti. Magari le persone sanno che esistono degli artigiani che costruiscono le gondole, forse non sanno che esiste l’artigiano che costruisce le forcole e i remi e di cui nessuno visita la bottega. Il problema è che questi mestieri stanno lentamente scomparendo, con la globalizzazione e i processi industrializzati. Sono attività che vengono trasmesse di padre in figlio e le nuove generazioni non sembrano più interessate a continuarne il lavoro. Quando realizzi questi video, cerchi anche di creare una sorta di fotografia di questi processi, che un domani potrebbero sparire. Il video stesso diventa una fonte di testimonianza per le future generazioni che quando lo vedranno fra diversi anni, potrebbero vedere qualcosa che non esiste più».

Dunque, l’intenzione dietro alle sue opere è propriamente artistica ma cela anche un suo interesse di natura storica o sociologica?
O.A: «Dipende. Questo fa parte anche del mio percorso personale. All’inizio cercavo di immortalare il mestiere degli artigiani ma il processo di creazione dei video si evolve in continuazione. Oggi, per esempio, cerco più contenuti che abbiano a che fare con temi sociali come le minoranze, i problemi legati all’ecologia, questioni che dovrebbero essere conosciute dal grande pubblico perché riguardano qualcosa da migliorare. Il mio approccio è di trattare questi temi non in maniera negativa, semplicemente trovando il modo di mostrare il problema, ma di far vedere che esso può essere risolto, in un’ottica costruttiva. Questo è un processo che non ha mai fine».

Trova che i suoi sentimenti verso un soggetto (che può essere una città, un Paese, un prodotto commerciale) influenzino la qualità delle sue opere?
O.A.: «Per poter raccontare qualcosa o qualcuno, deve essere qualcosa o qualcuno che che ti deve piacere e con cui devi anche trovare una connessione. I video più belli, quelli che funzionano meglio, sono quelli in cui mi sono innamorato della destinazione o del soggetto stesso. Nel momento in cui trovo un soggetto che vorrei filmare, cerco di capire se riesco a creare una connessione che può essere fisica o personale. Se incontro qualcuno che mi interesserebbe filmare, cerco di stabilire una comunicazione: ci parlo, mi faccio raccontare il mestiere, cerco di capire perché sta facendo quella cosa e mi interesso alla sua causa. Appassionarmi e capire esattamente quello che si sta facendo è indispensabile per trasmetterne la storia attraverso le immagini.
Capitano anche soggetti inaspettati, quando incontri casualmente qualcosa che ti colpisce, con cui riesci a creare una sinergia e tiri fuori delle immagini che sono bellissime. Questi video non hanno uno script dietro come uno spot pubblicitario, dove tutto quanto è definito, ma oltre a una parte di pianificazione, in cui si scelgono le location e i temi che vuoi esprimere, danno spazio per improvvisare, di uscire dalle deve seguire certe regole dell’azienda che ti paga. In realtà, quest’ultimo aspetto sta cambiando. Il video di Venezia, per esempio, è stato commissionato da una azienda che produce scarpe di alta moda e ha investito per darmi la possibilità anche di spaziare e lavorare con flessibilità».

Nella descrizione di Roma, opera che l’ha fatta conoscere al grande pubblico, dichiara che questa città è entrata nell’anima delle persone e resta in loro per sempre. Può spiegarci meglio cosa intende, se questo è accaduto anche a lei e se le è accaduto anche con altre città?
O.A: «Io sono nato e cresciuto a Roma, la conosco bene. Come molti romani, sono sempre stato preso dalla mia quotidianità e Roma è una città che ha moltissimi problemi. Chi ci vive, molto spesso, ne è completamente sommerso fino a vedere solamente il traffico, le difficoltà, i malfunzionamenti. Realizzare Roma mi ha permesso di riscoprirla completamente. Ho cominciato il progetto nel tempo libero, poi piano piano, mentre giravo la città all’alba prima di andare in ufficio, vedevo queste strade, questi angoli nascosti che da romano, avevo sempre visto ma mai notato.
Vedendo Roma la mattina, senza traffico, osservandola dai giusti angoli, trovando questi scorci, vedendo la bellezza e la storia che vi è dietro, penso di essere riuscito a rivalutarla e a rendere testimonianza di quanto ci possa essere di prezioso nel luogo in cui stai vivendo. Questo è lo stesso effetto che ha avuto sui romani, anche se qualcuno ha commentato che non si vedevano gli aspetti negativi. Non era nello scopo di questo video mostrarli. La mia intenzione era di concentrare l’attenzione sulla bellezza che, molto spesso, viene trascurata.
Londra è completamente differente dal punto di vista logistico. La sua particolarità è che è una città che cambia in continuazione e non fai in tempo a fissarla in immagini e video.  Per questo, l’approccio usato per Roma non poteva essere usato per Londra e ho scelto di raccontare i rapporti sociali nella capitale inglese.

I suoi abitanti, più di nove milioni, sembrano interagire poco fra di loro. Sui mezzi di trasporto sembrano essere concentrati sulle loro vite, non si parlano, spesso la loro attenzione è sullo smartphone. Inizialmente con Londra mostro questa freddezza attraverso colori freddi, però, indagando più a fondo, scopro che oltre l’apparenza esistono relazioni, momenti di aggregazione e sopratutto la multiculturalità, che restituisco con colori caldi. A Londra nessuno ti giudica per chi sei e cosa fai nel privato ed è questo che la rende così unica».

Con Italia è riuscito a trovare la bellezza anche in un periodo storico drammatico come quello che stiamo attraversando e a trasmettere un messaggio di speranza. Qual è la sua idea di bellezza e come riesce a scorgerla nella vita di tutti i giorni?
O.A: «Italia è nato parlando con amici e parenti. Anche se vivo a Londra, la maggior parte dei miei amici vive in Italia e ho notato che durante i primi tempi della pandemia, l’umore era sotto le scarpe. Era appena iniziato il Lockdown, le persone erano chiuse in casa, non si sapeva bene cosa sarebbe successo, quanto sarebbe durato. Si percepiva una situazione abbastanza disastrosa, anche perché in quel periodo l’Italia stava attraversando il picco del contagio. Mi sono chiesto come avrei potuto cercare di risollevare il morale, usando le mie capacità. Mi sono risposto che ognuno, nel suo piccolo, può dare un contributo. Il mio sarebbe stato creativo. In Italia, è presente una voce narrante, che è una cosa insolita rispetto ai miei video precedenti perché ho sempre creduto che la forza delle immagini bastasse a farsi comprendere. In Italia, invece, ho voluto trasmettere un messaggio rivolto esclusivamente agli italiani, dunque, in italiano.
Penso che a volte sia sufficiente fermarsi e fare più attenzione a ciò che succede intorno, non fermandosi alla prima impressione, per scorgere la bellezza.

Spesso, tra professionisti, mi viene chiesto quale telecamera e quale programma uso per editare i video. Come se il tecnicismo fosse la chiave per realizzare qualcosa di emozionante e ignorando il soggetto sul quale ci si sta concentrando. Occorre avere la capacità di guardare oltre, cercando di trovare una sinergia con quello che si sta filmando».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.